Come verificare se un sito web è down

Pubblicato: Artem Prysyazhnuk 2023-01-17 all articles | Glossary | FAQ

Ogni sito ha la possibilità di andare in tilt e diventare temporaneamente non disponibile per i suoi utenti. E se un sito web è down in questo momento, diventa una fonte di grattacapi per il suo proprietario e per un webmaster responsabile. Considerando che ogni secondo ci sono molti siti web down nello spazio online di tutto il mondo, non si tratta di qualcosa di innaturale. E ogni webmaster esperto è pronto ad affrontare queste situazioni e a ridurre al minimo il tempo di inattività di un sito web.

Ma quando si è alle prime armi in questo campo e si lavora per la prima volta con un sito web, si può essere davvero confusi su cosa fare se il sito web non funziona. Soprattutto se non si è un webmaster e non si sa nulla di queste cose. Ma ci sono molti metodi per vedere se un sito web è down, controllarne lo stato, verificarne le prestazioni e controllare in altro modo cosa è successo. Di solito è facile come sembra - digitate l'URL del vostro sito web, premete il pulsante e vedete il risultato.

Ma per essere efficaci è necessario sapere cosa fare e come farlo. In poche parole, è necessario conoscere e capire quali strumenti utilizzare e quando, e come utilizzarli in modo corretto. Inoltre, è necessario disporre di un kit di strumenti utili e versatili per affrontare i problemi del sito web in tempo e per prevenirli. Altrimenti potrebbero esserci (e ci saranno) conseguenze che non desiderate assolutamente.

Come verificare se un sito web è down e cosa può succedere in caso di down?

come verificare se un sito web è down

Di solito, se un sito web diventa inaccessibile per gli utenti per la prima volta nella pratica di un webmaster, quest'ultimo non si accorge nemmeno che è successo. In questo caso, il webmaster alle prime armi sarà in grado di capire che il mio sito web non funziona solo quando gli utenti inizieranno a lamentarsi. Oppure se questo webmaster esegue una diagnostica per vedere se il sito web è inattivo di tanto in tanto. Ma i novizi lo fanno raramente. Pertanto, non sanno cosa li ha colpiti o addirittura non sanno affatto di essere stati colpiti. A causa della mancanza di procedure di monitoraggio correttamente impostate, ovviamente.

E se una situazione del genere si verifica senza una risposta adeguata e rapida, il proprietario di un sito web e il webmaster ne subiranno le conseguenze. Perché se c'è un problema di disponibilità di un sito web, tutti i servizi ad esso collegati sospenderanno le loro attività. In particolare, i motori di ricerca e i servizi pubblicitari escluderanno tale sito dalle loro code. E Google sarà il primo a farlo. Inoltre, la maggior parte dei servizi promozionali seguirà l'esempio, insieme ad alcuni programmi di affiliazione.

Nella maggior parte dei casi, un sito web viene sospeso fino a quando i problemi non vengono risolti e segnalati accuratamente dal proprietario del sito. E se il fermo del sito non è dovuto a cause di forza maggiore o a un sito fermo per manutenzione, il sito perderà comunque il suo rating nelle code al momento della sospensione a causa della riduzione del tempo di attività. Inoltre, ci saranno molti clienti che si lamenteranno e che probabilmente abbandoneranno il vostro sito web per rivolgersi ai suoi concorrenti.

Tutto questo porterà a gravi perdite finanziarie e di reputazione. In poche parole, il tempo di attività del vostro sito web si ridurrà, il vostro rating nei vari servizi di promozione e sviluppo si ridurrà, i vostri utenti se ne andranno. E ovviamente perderete denaro a causa di ciò. Sia quelli pagati per gli abbonamenti ai servizi, sia quelli non ricevuti a causa della perdita di potenziali clienti.

Come rispondere correttamente al “perché il mio sito web è down?” problema

Per gli utenti c'è una risposta bidirezionale alla domanda: controllare “il sito è down o sono solo io?” e controllare il server down o la connessione di rete down. A volte è la prima, a volte è la seconda. Ma non ci sono ragioni comuni e solide per cui un sito web non funziona. A dire il vero, di motivi ce ne sono moltissimi. Per questo motivo è difficile reagire rapidamente se il problema si verifica e non si hanno a disposizione contromisure. Ma un webmaster può almeno restringere la fonte. Ed è importante sapere come farlo se non si è predisposto un monitoraggio.

La prima e ovvia fonte a cui guardare se un sito web è down - il suo server. Determinare se il server è inattivo o se ci sono altre ragioni per l'inaccessibilità. I server possono essere indisponibili per vari motivi, quindi è necessario controllarli tutti. Provate a eseguire un ping del vostro sito web. Cercate il vostro sito e il vostro hosting su DownDetector. Controllate l'host per le notifiche di manutenzione e gli avvisi di accessibilità. Chiedete all'assistenza hosting se ci sono problemi di software su un server. Tutto questo vi aiuterà a capire se ci sono problemi o meno.

Se non ci sono problemi con il server, provate a cercare problemi di rete. Eseguite il software traceroute/tracert e controllate lo stato della rete tra gli utenti e il vostro sito web/server. Controllate i server DNS e le liste nere DNSBL. Utilizzate ancora una volta DownDetector per cercare problemi di rete nella regione del vostro host. E utilizzate un buon strumento per testare le connessioni da varie località, come gli strumenti gratuiti di HostTracker.

Il controllo più utile per vedere se un sito web è down

controllo utile per vedere se il sito web è down

Il miglior approccio alle situazioni di down di un sito web è quello di prevenirle. O almeno di essere preparati ad affrontarle con una routine di monitoraggio configurata in modo proattivo. È utile controllare se un sito web è inattivo 24 ore al giorno. Ma ci sono vari approcci per impostare il monitoraggio di un sito web, e per la maggior parte dei webmaster’uno manuale è un no-go fin dall'inizio.

Per avere sempre sotto controllo lo stato del vostro sito web, avete bisogno di un rilevatore automatico di siti web inattivi con strumenti di diagnostica aggiuntivi. Qualcosa di utile e affidabile. Come il servizio HostTracker, ad esempio. Parlando in termini generali, questo servizio vi aiuterà a controllare se un sito web è down da tutti i punti di vista possibili. E lo farà in modo automatico 24 ore su 24.

Se iniziamo a parlare dal punto di vista tecnico, con un tracker automatico di siti web down sarete in grado di tenere il vostro sito web, il suo hosting e i suoi server sotto costante monitoraggio per evitare che si verifichino problemi di accessibilità o almeno che si verifichino danni sufficienti alla reputazione e allo stato del vostro sito web e alle vostre finanze.

Per esempio, la piattaforma HostTracker fornisce ai suoi utenti tutti gli strumenti necessari per gestire la diagnostica 24 ore su 24, 7 giorni su 7, compreso il controllo del vostro sito web da varie località del mondo. I suoi strumenti forniscono tutte le informazioni necessarie senza che il webmaster debba effettuare test manuali di accessibilità o apportare modifiche significative.

In poche parole, si tratta di un rilevatore di siti web inattivi online con un complesso kit di strumenti per controllare tutte le metriche del sito web. Dalle statistiche sui tempi di inattività utilizzando il monitor dei tempi di inattività dei siti web, fino ai controlli sullo stato dell'hardware. Dal tracker e checker della rete mondiale di base fino ai test sullo stato del software del server. Può persino riavviare il software del server se l'host lo consente e vi fornisce un account privilegiato specifico per il vostro server dedicato o fisico.

Inoltre, parlando delle capacità di HostTracker come esempio del miglior servizio di monitoraggio disponibile, questa piattaforma ha un sistema di notifiche istantanee integrato. Funziona come suggerisce il nome. Se voi, in qualità di webmaster, avete optato per un servizio di monitoraggio e avete impostato tutti gli strumenti necessari, vi invierà immediatamente un messaggio di avviso in caso di emergenza. Non importa l'ora, se non avete impostato un orario di notifica. È anche possibile impostare turni di lavoro per gli avvisi nel caso in cui ci siano più webmaster responsabili di un sito web. Inoltre, questo servizio di avvisi funziona con quasi tutti i moderni messenger, da Telegram a Slack.

Conclusione

Chi è avvisato è avvisato. Se non siete preparati a situazioni in cui il vostro sito web è improvvisamente inattivo, non sarete in grado di reagire in modo adeguato e rapido e di individuare l'origine dei problemi. Ciò comporterà un aumento dei tempi di inattività del vostro sito web e un abbassamento dei suoi indici di gradimento nei vari servizi. E questo non potrà che portarvi a perdite, sia reputazionali che finanziarie. Ciò significa che dovete assolutamente essere pronti ad affrontare queste situazioni. E non solo per affrontarle in tempo, ma anche per prevenirle.

In poche parole, è necessario disporre di una sequenza di monitoraggio già configurata e funzionante 24 ore su 24. In questo modo sarete in grado di reagire e di reagire a queste situazioni. In questo modo sarete in grado di reagire ai vari problemi di accessibilità non appena si presentano. E sarete in grado di risolverli tempestivamente senza subire gravi perdite. Di conseguenza, gli utenti saranno soddisfatti e il vostro sito web avrà il massimo del tempo di attività possibile.

Tags: product

Informazioni sull'autore

Artem Prysyazhnuk
CEO e fondatore di HostTracker LTD. È un imprenditore appassionato con un forte background tecnico in F#. Artem lavora nel settore dello sviluppo software da oltre 20 anni.
Loading...